In Colombia l’ELN fa tacere le armi

il: 3 ottobre 2017

Con un comunicato ufficiale l’Esercito di Liberazione Nazionale ELN ha annunciato la cessazione bilaterale del conflitto fino al 9 di gennaio. Un passo in avanti verso la pace in Colombia, dopo la firma degli Accordi di Pace fra Governo di Juan Manuel Santos e del primo esercito guerrigliero FARC-EP (Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia). Il comandante dell’Esercito di Liberazione Nazionale (ELN) Nicolàs Rodrìguez Bautista ha ordinato lo scorso primo di ottobre, la cessazione immediata di qualsiasi attività  offensiva per adempiere all’accordo di cessazione del fuoco bilaterale.

L’Esercito di Liberacion Nacional (ELN) ha annunciato la cessazione bilaterale e temporanea delle armi con il governo colombiano, che verrà attuato dal 1 ottobre del 2017 e il 9 gennaio del 2018.

Tramite YouTube ELN Paz, il comandante Nicolàs Rodrìguez Bautista, Gabino, ha ricordato che lo scorso 4 settembre: “Si è firmata a Quito la cessazione temporanea, nazionale e bilaterale tra ELN e il Governo colombiano”. Ha affermato poi, che: “Non è stato facile raggiungere l’accordo, ma alla fine le parti sono giunte ad un patto”.

Il comandante Gabino precisa che ELN ha insistito sull’importanza di conseguire la cassazione bilaterale, al fine di interrompere le offensive tra le parti e di diminuire l’impatto di perdite umanitarie nelle popolazioni, sopratutto per coloro che vivono in zone di conflitto: ”Comandanti, compagni e compagne militanti, oggi 29 settembre 2017 ordino a tutte le truppe del territorio nazionale di astenersi da tutti tipi di attività offensive, in rispetto  dell’accordo bilaterale di cessazione del fuoco firmato con il governo colombiano e ELN, che dovrà entrare in vigore il 1 ottobre alle ore 24.00 fino al 9 gennaio 2018 alle ore 24.00”, ha affermato in un comunicato ufficiale, aggiungendo: “Il mio abbraccio fraterno, con la certezza che rispetterete quest’ordine perché portiate pienamente a termine le direttive di pianificazione strategica di ELN. Non ho nessun dubbio sulla vostra lealtà nell’adempiere questo compromesso fino in fondo”.

Il governo colombiano ha anticipato durante la notte di venerdì, che le negoziazioni per l’accordo bilaterale erano giunte al termine, e il capo della squadra di negoziazione emetterà un comunicato per offrire dettagli sull’accordo, così come è stato dichiarato dal Commissario per la pace colombiano Rodrigo Rivera.

Il presidente della Colombia Juan Manuel Santos ha affermato come la firma di questo accordo bilaterale  sia “un passo importantissimo, il primo di un processo che porti anche ELN a lasciare le armi, come è successo con le FARC-EP, che ha raggiunto un accordo di pace con il governo nel Novembre 2016, che ha compiuto il suo disarmo e si è convertito in partito politico”.

L’ELN ha imbracciato le armi nel 1964 ed era rimasto uno dei principali gruppi di guerriglia armata ancora attivo in Colombia.