Mercoledì 4 ottobre a Roma Amnesty International e Yaku per la campagna Coraggio

il: 3 ottobre 2017

Difensori e difensore dei diritti umani sotto attacco: COLOMBIA

Dall’ultimo rapporto di Amnesty in Colombia, il governo e il gruppo della guerriglia FARC hanno raggiunto un accordo di pace ratificato dal congresso a novembre. Questo ha segnato la fine ufficiale di 50 anni di conflitto armato tra le due parti, dopo 4 anni di negoziati. Tuttavia c’è stato un aumento delle uccisioni di difensori dei diritti umani, compresi i leader nativi, afroamericani e contadini. Attivisti che subiscono persecuzioni, intimidazioni e violenze. A loro è dedicata “Coraggio” la nuova campagna promossa da Amnesty International, in tutto il mondo, dalle nostre sezioni per chiedere che questi attacchi finiscano.

La campagna “Coraggio” chiede agli Stati di riconoscere la legittimità del lavoro di coloro che si battono per la dignità e l’uguaglianza dei diritti di ogni persona, assicurando loro libertà e sicurezza.

“Senza il loro coraggio il mondo è meno equo, meno giusto e meno uguale. Ecco perché oggi chiediamo a tutti, e non solo ai leader mondiali, di stare dalla parte di chi difende i diritti umani e di proteggere le persone coraggiose“, ha dichiarato in una nota ufficiale Salil Shetty, segretario generale di Amnesty International.

Il nostro obiettivo, come credo anche il vostro, è mettere in luce le vicende di persone in pericolo a causa delle loro attività in favore dei diritti umani e premere sui governi e su altri decisori affinché siano rafforzati i sistemi legali.

I pericoli cui vanno incontro coloro che difendono i diritti umani, la cui missione si fa sempre più mortale: secondo l’organizzazione non governativa Front Line Defenders, da 156 uccisioni nel 2015 si è passati a 281 nel 2016.

LEGGI il dossier preparato dalla rete Indifesadi, sulla violazione dei diritti umani in Colombia.

NE PARLEREMO IL 4 OTTOBRE