Guatemala | Condannato a 7 anni di carcere il leader maya del movimento di resistenza contro il progetto idroelettrico sul fiume Cahaboner

il: 19 novembre 2018

Il leader maya-q’eqchi Bernardo Caal Xol, è stato condannato a 7 anni di carcere con l’accusa di essere il leader di movimento di resistenza contro il progetto idroelettrico sul fiume Cahabon a Altaa Verapaz. Il difensore è accusato dei reati di furto aggravato e istigazione a delinquere.

La difesa di Bernardo Caal Xol afferma con decisione che le accuse mosse contro il difensore dell’ambiente sono completamente senza fondamenta. Il “reato” compiuto da Caal è quello di aver denunciato la concessione di licenze di costruzione da parte del governo del Guatemala, avvenuta senza una condivisione di informazione e senza una consultazione con le comunità Q’equchi de Cahabon, direttamente interessate e coinvolte dai progetti idroelettrici OXEC e RENACE. Quest’ultimo, con la partecipazione diretta con l’impresa spagnola Grupo Cobra-ACS.

Occorre inoltre ricordare che ad agosto la giornalista Rolanda Garcia Hernandez, inviata di TeleSur, è stata presa in ostaggio e minacciata nella comunità Seactè, Santa Maria Cahabon, Alta Verapaz, presumibilmente da parte di lavoratori o affiliati dell’impresa idroelettrica Oxec.

CREDIT: https://desinformemonos.org/guatemala-condenan-7-anos-prision-lider-maya-defensa-naturaleza/