In Difesa Di

2018: un anno all’insegna dell’impegno per la protezione dei difensori dei diritti umani

Il 2018 è l’anno della presidenza italiana dell’OSCE nonché  il ventesimo anniversario della Dichiarazione ONU sui Difensori dei Diritti Umani, e si preannuncia denso di iniziative e opportunità per il nostro lavoro sui difensori e le difensore dei diritti umani. La rete “In Difesa Di – Per i diritti umani a chi li difende” sta programmando varie attività per concludere l’anno con una “cassetta degli attrezzi” ben delineata, che permetta alle organizzazioni della società civile e ai difensori/e dei diritti umani

Human Right Defenders, chi difende i Diritti Umani – Seconda Parte

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un crescente attacco verso i difensori dei diritti umani: attivisti, leader, rappresentanti di comunità stanno diventando sempre più oggetto di repressioni violente. Secondo Francesco Martone, portavoce della rete In Difesa Di, una rete di associazioni che si occupa di diritti umani, “l’attacco ai difensori dei diritti umani è un’emergenza globale: i dati più recenti di Global Witness mostrano che il 2017 si avvia ad essere l’anno più sanguinoso in termini di uccisione di difensori della

In Difesa Di…Verso la costruzione delle Buone Pratiche

Il 12 di luglio Yaku parteciperà all’incontro con Francesca Tardioli – Direttrice Centrale per le Nazioni Unite ed i Diritti Umani e Focal Point Nazionale per l’Agenda Donne Pace e Sicurezza e il Presidente del Comitato Interministeriale per i Diritti Umani, per la costruzione del Workshop organizzato dalla rete In Difesa Di e il Minstero degli esteri sulle Buone Pratiche per l’applicazione delle linee guida dell’Unione Europea per la difesa dei difensori dei Diritti Umani.   In Difesa Di… Infatti, anche

Michel Forst, UN Special Rapporteur on HRDs, in visita in Italia

Dal 7 al 9 maggio la rete “In Difesa Di” di cui Yaku fa parte, ha invitato in Italia il Relatore Speciale ONU sui Difensori e le Difensore dei Diritti Umani, Michel Forst, per una visita accademica , che prevede incontri con la società civile,  il settore privato, il Ministero degli Affari Esteri e il Parlamento. Durante l’incontro a porte chiuse, sarà consegnato un dossier sulla situazione della violazione dei diritti umani in Colombia.   Il 7 maggio Michel Forst sarà