Pace

Il popolo Wayuu non può pagare le spese della solidarietà all’Ucraina: Unite per la Pace

Articolo pubblicato il 25 aprile 2022 sul sito di radio e materiale audiovisivo indipendente contagioradio.com L’accordo commerciale tra Colombia e Germania, promosso dal presidente Dunque, rappresenta un attentato contro le comunità indigene e afro di La Guajira. L’accordo avanza l’ipotesi di un incremento dell’esportazione di carbone, per sopperire alla necessità di combustibile dello stato europeo, a cui la Russia ha smesso di fornirlo a causa delle sanzioni imposte durante il conflitto in corso. Il 6 aprile, il Presidente della Repubblica Ivàn

Le elezioni in Colombia che danno la speranza

A Bogotà le amministrative di domenica eleggono la prima sindaca donna di una capitale in America latina, esponente del movimento LGTBI;  nella regione del Cauca il primo governatore afro, nel municipio di Silva la sindaca è un’indigena misak. E poi contadini, ex guerriglieri, militanti: una sonora sconfitta per il partito al potere Centro Democratico, un’appello corale per la pacificazione e la giustizia sociale. di Francesca Caprini, 28 ottobre E’ Claudia López la prima donna che arriva a ricoprire il ruolo di

Come le Nazioni Unite sostengono il processo di pace colombiano, è tempo di una soluzione? Tratto da “WPR – World politics review”

La scorsa settimana, il segretario delle Nazioni Unite Antonio Guterres si è recato in Colombia per cercare di sostenere gli accordi di pace 2016 che hanno messo fine alla guerriglia, lascito doloroso della Guerra Fredda. La più lunga corsa al conflitto armato nell’emisfero occidentale ha messo in competizione lo stato e le forze armate marxiste rivoluzionarie della Colombia (FARC),  il più grande  fra i due gruppi di guerriglia marxisti che hanno combattuto l’esercito colombiano per più di mezzo secolo. Ma in

Yaku al Seminario “Corpi Civili di Pace e Risoluzione 1325 su Donne, Pace, Sicurezza

Il CSDC partecipa al Seminario “Corpi Civili di Pace e Risoluzione 1325 su Donne, Pace, Sicurezza. Esperienze e prospettive tra sperimentazione CCP e primi progetti Donne Pace e Sicurezza in Italia” Giovedì 30 novembre si svolgerà a Roma il Seminario “Corpi Civili di Pace e Risoluzione 1325 su Donne, Pace, Sicurezza. Esperienze e prospettive tra sperimentazione CCP e primi progetti Donne Pace e Sicurezza in Italia”, presso il Dipartimento Gioventù e Servizio civile Nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri. L’incontro

Processi di Pace: il corso

Sono aperte fino al 24 novembre le iscrizioni al corso Processi di pace, organizzato con Yaku eCentro Studi Difesa Civile. Il corso vuole fornire gli strumenti per comprendere le dinamiche dei processi di pace e il ruolo delle donne e dei movimenti femministi in questi contesti, diffondere buone pratiche per la protezione delle Difenditrici dei Diritti Umani, con particolare riferimento alle “Shelter Cities”, oltre ad approfondire i contesti attuali di Colombia e Tunisia con una prospettiva di genere. Iscrizioni online: https://goo.gl/osQrR1.