colombia

Il bollettino di guerra della repressione in Colombia

La Campagna “Defender la Libertad un Asunto de Todas”, è una rete di organizzazioni sociali, locali, studentesche, ambientaliste, femministe, di comunicazione e per i diritti umani, vuole rendere pubblica dopo dodici giorni di proteste a livello nazionale, le violazioni dei diritti dal 28 aprile al 10 maggio (ore 18:20) sul territorio nazionale colombiano: 52 persone uccise presumibilmente uccise dalle azioni della forza pubblica e / o “civili”. 1 agente di polizia. 489 persone ferite per azioni sproporzionate della Polizia Nazionale ed

Colombia: il governo è più pericoloso del virus

10 maggio 2021 “Se un popolo protesta e scende in piazza in piena pandemia  è perchè il suo governo è più pericoloso del virus”. di Marco Consolo – Il 6 dicembre 1928 la Colombia si svegliò macchiata del sangue dei lavoratori delle piantagioni di banane. Lo sciopero andava avanti da quasi un mese e l’esercito  intervenne a difesa degli interessi della United Fruit Company degli Stati Uniti (oggi Chiquita), provocando un massacro che ha dato origine al romanzo “Cento anni di

SOS Colombia. Stop alla repressione e alla violenza di Stato. Il comunicato di Yaku

A poche ore dalla brutale repressione da parte dello stato colombiano contro i manifestanti che ha provocato in sei giorni 21 morti, centinaia di feriti, aggressioni mirate e 89 dispersi, Yaku si assomma alle organizzazioni ed alle cittadine e ai cittadini che in Italia e nel mondo stanno chiedendo il rispetto dei diritti umani ed il  ripristino di condizioni di democrazia e salvaguardia della vita. Lo scorso 30 aprile, Yaku e il Nodo Trentino della Rete In Difesa Di aveva organizzato

Dichiarazione pubblica della Comisión de la Verdad – Colombia, per il rispetto della vita, la dignità e il diritto alla protesta pacifica.

La Comisión de la Verdad, come istituzione dello Stato colombiano, esprime profonda preoccupazione per la protesta legittima di milioni di colombiani e colombiane specialmente giovani, repressa violentemente da membri della forza pubblica e condizionata da episodi di vandalismo e distruzione. Ci associamo al dolore delle famiglie e degli amici che sono stati assassinati mentre manifestavano per le strade contro la povertà, la disugualianza, la fame, la disoccupazione e l’esclusione sociale. Invitiamo a continuare la mobilitazione pacifica per la convivenza e la

Seminario Verso Trento Città In Difesa Di/ Seconda Parte. PER UNA GIUSTIZIA GLOBALE: STRUMENTI ED INIZIATIVE 

Verso Trento Città In Difesa Di Seconda Parte 30 aprile 2021 dalle 17.30 alle 19.30   Lo scorso 23 aprile, la prima parte del seminario “Verso trento Città In Difesa Di”, organizzata da Yaku con il Nodo Trentino della Rete In Difesa Di e dedicata alla difesa dell’acqua come diritto umano e bene comune, e alla criminalizzazione della solidarietà.   Ospiti d’eccezione  – da Padre Alex Zanotelli, a Francesco Martone della Rete In Difesa Di in diretta dall’Ecuador, a Michele Guerra,

In Colombia si continua ad uccidere donne che difendono.

Stupore e commozione per l’assassinio di Sandra Liliana Peña Chocue, Governatrice del territorio indigeno Sa’th Tama Kiwe, nella regione del Cauca, in Colombia. Stava lavorando per contrastare l’aumento di coltivazioni di coca nella regine. aveva già subito minacce. La notte del 20 aprile nella città di Popayan, l’efferato omicidio per mano di un gruppo di uomini armati. Sono 52 i leader sociali e comunitari che ufficialmente in Colombia sono stati ammazzati dall’inizio dell’anno, e 1166 dalla firma degli Accordi di Pace, nel